L'IMPATTO DI SOSTANZE ORGANICHE E DEL BROMURO

Le sostanze organiche presenti in natura, come gli acidi umici, fulvici e tannici presenti nell'acqua da disinfettare, possono potenzialmente portare alla formazione di una varietà di sottoprodotti tossici. Tra questi rientrano i trialometani (THM) e gli acidi aloacetici (HAA5) oltre ai bromometani e al bromato. I livelli di THM, HAA5 e bromato sono regolamentati in molti paesi. Negli Stati Uniti le concentrazioni massime consentite sono 80 ppb THM, 60 ppb HAA5 e 10 ppb bromato.

Purolite offre una varietà di resine anioniche rigenerabili in soluzione salina per rimuovere la materia organica, nota collettivamente come carbonio organico totale o TOC. Il grado di riduzione dipende dalla natura specifica del TOC, dalla scelta della resina, dalla sua porosità, dal tempo di contatto e dalla resistenza alle incrostazioni irreversibili. Per questo la nostra offerta di prodotti comprende la resina acrilica a base forte anione (SBA), la resina macroporosa Purolite A860 e la resina stirenica SBA macroporosa Purolite A502P. Per i sistemi più difficili da trattare con TOC colloidale e disciolto, raccomandiamo Tanex™, una miscela proprietaria di resine, comprendente una resina per eliminazione brevettata per la rimozione del particolato colloidale.

Oltre ai prodotti biologici, un numero crescente di forniture di acqua grezza mostra livelli più elevati di bromuro. Il risultato della disinfezione dell'acqua contenente sia materia organica che bromuro può potenzialmente portare alla formazione di sottoprodotti di disinfezione come bromometani e bromati. Purolite Bromide Plus™/9218 è una resina selettiva proprietaria a ioni di bromuro, rigenerabile con cloruro di sodio.

In tutti i casi per ottenere buone prestazioni è importante una corretta progettazione del sistema. Con l'aiuto dei nostri tecnici esperti, possiamo aiutarvi a progettare l'impianto di trattamento su misura. Ad esempio, se la qualità dell'acqua richiede la rimozione di bromuro e di materia organica, si consiglia di utilizzare un comune rigenerante. Ciò semplifica la progettazione, consentendo una riduzione dei costi di capitale e di esercizio.

Tra i vantaggi delle nostre resine a scambio ionico per la rimozione delle sostanze organiche e del bromuro figurano:

  • Bassi costi di esercizio con una progettazione semplice del sistema, che richiede un’attenzione minima da parte dell'operatore.
  • Riutilizzo multiplo della soluzione salina, per ridurre al minimo il volume delle acque reflue. Stratificazione della resina anionica sopra la resina cationica di addolcimento per aiutare a ridurre il footprint e i costi di capitale e di esercizio.
  • Approccio progettuale multi-contaminante. È possibile la rimozione simultanea di sostanze organiche e bromuro con altri contaminanti.